Attuazione direttiva 2012/17/UE: portale operativo - CCIAA DI TRAPANI

Men¨ di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Trapani

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

22/10/2018

Avviso: elenco Mediatori soggetti a cancellazioni e inibizioni

Persone fisiche | Imprese
 

 

13/7/2018

Impresa.italia.it: compie un anno e festeggia con oltre 100mila ‘cassetti digitali’ aperti dagli imprenditori italiani

Trapani, 13 luglio 2018 – Festeggia il suo primo anno di vita impresa.italia.it, il cassetto digitale dell’imprenditore, un...

 

19/4/2018

Campagna di diffusione del malware Zeus Panda tramite allegati Excel

Il CERT-PA (Computer Emergency Response Team) segnala nuovamente che si sta osservando un'ondata di email fraudolente ai danni...

 

[Stampa]

Attuazione direttiva 2012/17/UE: portale operativo

La Direttiva 2012/17/UE del Parlamento europeo e del Consiglio ha ad oggetto lĺinterconnessione dei registri centrali, commerciali e delle imprese (direttiva BRIS Business Registers Interconnection System). In particolare, disciplina anche le succursali di societÓ aventi sede legale in altro Stato membro e, nello specifico, la pubblicitÓ delle succursali create in uno Stato membro da taluni tipi di societÓ soggette al diritto di un altro Stato, stabilendo lĺelenco degli atti e delle indicazioni che le imprese devono rendere pubblici nel registro della loro succursale.

Dall'8 giugno la direttiva BRIS Ŕ entrata in vigore in tutti i paesi dell'Unione o nello spazio economico. E', quindi, ora possibile cercare le informazioni sulle societÓ di capitali registrate nei registri di questi paesi attraverso il portale della Commissione europea. Il link da cui poter accedere Ŕ il seguente:

https://e-justice.europa.eu/content_business_registers_at_european_level-105-it.do?init=true

L'Italia Ŕ tra i 10 paesi attualmente collegati con Danimarca, Germania, Grecia, Croazia, Cipro, Polonia, Slovenia, Svezia, Norvegia. Gli altri Paesi progressivamente si connetteranno al sistema che presenta delle complessitÓ in termini di armonizzazione, non solo dal punto di vista tecnico.

Si tratta, quindi, di un importante passo in avanti in termini di trasparenza e per rendere pi¨ facile, veloce e sicuro lo scambio e la conoscenza di informazioni delle societÓ di capitali registrate in Europa. Il sistema camerale italiano Ŕ arrivato puntuale a questo importante appuntamento, grazie a uno sforzo importante a tutti i livelli.

 

Data di redazione: 19/6/2017

 

[Stampa]